N° 2/2019
Divulg..

La violenza nel posto di lavoro

Ogni aggressione fisica, comportamento minaccioso o abuso verbale

Nel corso dell’attività lavorativa gli operatori sanitari delle strutture ospedaliere e territoriali sono esposti a numerosi fattori che possono essere dannosi sia per la salute sia per la sicurezza. Tra questi assume particolare rilevanza il rischio di affrontare un’esperienza di violenza che può consistere in aggressione, omicidio o altro evento criminoso risultante in lesioni personali importanti o morte. Il National Institute of Occupational Safety and Health (NIOSH) definisce la violenza nel posto di lavoro come “ogni aggressione fisica, comportamento minaccioso o abuso verbale che si verifica nel posto di lavoro”. 

Gli atti di violenza consistono nella maggior parte dei casi in eventi con esito non mortale, ossia aggressione o tentativo di aggressione, fisica o verbale, quale quella realizzata con uso di un linguaggio offensivo. Una stima del Bureau of Labor Statistics statunitense  indica per gli operatori ospedalieri un tasso di incidenza di aggressione non mortale pari a 9,3 per 10.000 contro un valore di 2 per 10.000 nei lavoratori delle industrie del settore privato. Molti di questi episodi avvengono all’interno di ospedali, strutture territoriali, in primo luogo servizi per la tossicodipendenza (Ser.T), centri di salute mentale, servizi residenziali e sociali. La Joint Commission riporta, da Gennaio 1995 a Dicembre 2006, un numero complessivo di 141 eventi sentinella legati ad aggressione, violenza, omicidio. 

 

Gli infortuni accaduti nelle strutture ospedaliere italiane e denunciati all’INAIL per qualifica professionale e modalità di accadimento nell’anno 2005 ammontano a 429, di cui 234 su infermieri e 7 su medici. Episodi di violenza contro operatori sanitari possono essere considerati eventi sentinella in quanto segnali della presenza nell’ambiente di lavoro di situazioni di rischio o di vulnerabilità che richiedono l’adozione di opportune misure di prevenzione e protezione dei lavoratori. 

In generale, gli eventi di violenza si verificano più frequentemente nelle seguenti aree: 

• servizi di emergenza-urgenza; 

• strutture psichiatriche ospedaliere e 

territoriali;

• luoghi di attesa; 

• servizi di geriatria; 

• servizi di continuità assistenziale. 

 

Numerosi sono i fattori responsabili di atti di violenza diretti contro gli operatori delle strutture sanitarie. Sebbene qualunque operatore sanitario possa essere vittima di violenza, i medici, gli  infermieri e gli operatori socio sanitari sono a rischio più alto in quanto sono a contatto diretto con il paziente e devono gestire rapporti caratterizzati da una condizione di forte emotività sia da parte del paziente stesso che dei familiari, che si trovano in uno stato di vulnerabilità, frustrazione o perdita di controllo, specialmente se sotto l’effetto di alcol o droga. 

Autore

img
Laura Laffranchi

Suggeriti

B&B Dental: gli eventi formativi di dicembre 2022
B&B Dental: gli eventi formativi di dicembre 2022
N° 6/2022
B&B
News 
L’igienista dentale secondo U.N.I.D.: tra etica, gestione e formazione.
L’igienista dentale secondo U.N.I.D.: tra etica, gestione e formazione.
N° 5/2022
Augusta Virno
News 
Un accordo Made in Italy tra Prima Additive e 88dent per la distribuzione worldwide di tecnologia additive nel settore dentale
Un accordo Made in Italy tra Prima Additive e 88dent per la distribuzione worldwide di tecnologia additive nel settore dentale
N° 5/2022
Redazione Infomedix
News 
2° Congresso Internazionale di B&B Dental s.r.l.
2° Congresso Internazionale di B&B Dental s.r.l.
N° 5/2022
B&B
News 
Univet Loupes Diventa il più Grande Produttore Europeo di Sistemi Ingrandenti
Univet Loupes Diventa il più Grande Produttore Europeo di Sistemi Ingrandenti
N° 4/2022
Fabian Salaverry
News 
Impianti Sottoperiostali Eaglegrid  nelle mono edentulie
Impianti Sottoperiostali Eaglegrid nelle mono edentulie
N° 2/2022
Marco Roy
Scient.. 
Analisi della deposizione di particelle metalliche dalle frese chirurgiche dopo procedure di chirurgia implantare guidata
Analisi della deposizione di particelle metalliche dalle frese chirurgiche dopo procedure di chirurgia implantare guidata
N° 2/2022
Giovanni Falisi, Giordano Foffo, Marco Severino, Carlo Di Paolo, Serena Bianchi, Sara Bernardi, Davide Pietropaoli, Sofia Rastelli, Roberto Gatto, Gianluca Botticelli,
Scient.. 
Gestione della salute orale  nel paziente Special Needs
Gestione della salute orale nel paziente Special Needs
N° 2/2022
Maria Ricci
News